BLOG DEL RISPARMIO

Scelta dell'abbonamento ADSL per la casa

Scelta abbonamento ADSLSe state valutando l’ipotesi di attivare un contratto con una compagnia telefonica per navigare in ADSL, non fermatevi a considerare solo l’offerta economica!

Sono tante le opzioni che incidono sulla convenienza o meno di un gestore piuttosto che di un altro: innanzitutto è necessario accertarsi che i provider con cui stiamo valutando di navigare ci garantiscano una buona copertura sul territorio in cui ci troviamo.

Niente di più fastidioso che sottoscrivere un contratto che sulla carta offre il massimo al mino prezzo per poi scoprire che nel nostro piccolo paese non vi è alcuna copertura!
Quindi, il secondo passo coincide con la valutazione delle nostre reali necessità di navigazione e di conseguenza l’ipotesi più realistica dell’entità dei nostri consumi.

Ogni giorno siamo bombardati da spot pubblicitari in cui i diversi provider sembrano offrirci tutti le migliori prestazioni al prezzo più conveniente ma è facile intuire come questo non possa rispondere sempre al vero: uno stesso provider, infatti, può garantire prestazioni elevatissime in una zona e scarsissime in un’altra, senza essere tenuto a mettervi al corrente di eventuali carenze nel vostro territorio.
In questo caso l’unica possibilità è armarsi di pazienza e spulciare forum di discussione e siti di confronto offerte (ad esempio www.super-offerte-adsl.it) oppure chiacchierare con amici e parenti che già hanno sperimentato una linea ADSL per sapere se un determinato provider funziona o meno.

In Italia, finalmente, abbiamo raggiunto un buon numero di Internet Service Provider fra cui scegliere il più adatto alle nostre esigenze anche se analisi di mercato recenti hanno messo in luce, in maniera inequivocabile, che la miglior tariffa applicata in Italia per la navigazione su banda larga ha una differenza veramente risibile rispetto a quella applicata da Telecom, che fino a poco tempo fa deteneva il monopolio di questo mercato.
In totale abbiamo una decina di provider, ciascuno dei quali con una offerta, soprattutto tecnologica, assai diversificata anche in ragione della regione in cui ci troviamo.

Una delle caratteristiche fondamentali su cui basare la scelta di un provider è la ‘velocità di navigazione’ garantita, posto che le prestazioni reclamizzate dagli spot di qualsiasi gestore non corrispondono mai alla realtà in quanto, per dirne una, non tengono conto del traffico telefonico della zona da cui ci colleghiamo.
Il consiglio è quello di valutare la velocità media che possiamo rilevare considerando la metà del valore indicato dal provider: ovviamente nelle ore di minor traffico, come quelle notturne, la velocità di navigazione sarà più vicina a quella reclamizzata. Detto questo, vi basterà una soluzione da 4 Mega per navigare fluidamente nella rete mentre se la vostra intenzione è quella di usare la connessione per scaricare documenti, file e aggiornamenti dalla rete sono da preferire soluzioni da 8 Mega.

Stabilire il reale uso che si farà della connessione è necessario anche per capire se sia più conveniente un contratto flat o a consumo: il primo è un abbonamento che può senza limiti di tempo e di volume di traffico, permettendo così vedere film in streaming e di telefonare tramite pc senza preoccupazione alcuna; il secondo, lo dice il nome stesso, permette di navigare pagando in ragione della durata della connessione e del volume di traffico raggiunto. E’ facilmente intuibile come l’offerta a consumo non sia molto conveniente, soprattutto se le nostre valutazioni iniziali ci offrono una stima di navigazione superiore alle 9 ore mensili, in quanto, a parità di costo, un contratto flat permette tempi più lunghi e prestazioni migliori.
Ad onor del vero, per quanto riguarda i contratti flat c’è poco da scegliere: i provider sembrano aver trovato un accordo per cui, dopo il primo anno di abbonamento in cui ciascuno offre un personalissimo specchietto per le allodole, il costo del contratto diventa pressochè identico per tutti.
Molto simili sono anche i servizi offerti, le caratteristiche dei modem e il costo del suo noleggio.

Quindi, ancora una volta, non badate troppo al prezzo che vi viene offerto, ma indagate sulle reali prestazioni che il provider è in grado di assicuravi nella vostra zona di utilizzo della rete e tenete d’occhio le offerte speciali che ogni anno ciascun operatore proporrà sul mercato, rendendo conveniente anche il passaggio da un provider all’altro di volta in volta.

Ti potrebbe interessare anche:

Altri articoli dal Blog del risparmio